martedì, Luglio 16Rimani aggiornato su attualità, salute, economia, sport e tanto altro
Shadow

Tenetemi in vita finché posso votare l’appello di Luciano malato terminale

Dal letto dell’ospedale in cui è ricoverato per un mesotelioma della pleura, una malattia provocata dall’amianto, l’ambientalista monfalconese Luciano Giorgi lancia un appello sul referendum: “Non disertate le urne, un’occasione come questa potrebbe non ripetersi più. Parla a fatica sfidando la malattia che gli rende doloroso ogni movimento, ogni piccolo sforzo e spiega: “Questi referendum, e in particolare il quesito sul nucleare, sono l’ultima chance per portare l’Italia sulla via per le energie alternative». È lì che secondo Giorgi sta il futuro del paese: “L’energia “verde non è solo tutela dell’ambiente, ha un enorme potenziale economico. È uno stimolo alla ricerca e all’innovazione oltre che una fonte di occupazione. Crea posti di lavoro ogni livello, dal manovale che installa un impianto al ricercatore che lo progetta. Nato nel quartiere operaio di Panzano, a Monfalcone, nel corso della sua vita Giorgi è stato operaio ai cantieri navali, marinaio e macchinista, e infine ferroviere. Qualche mese fa l’amianto, piaga del Monfalconese, ha colpito anche lui, ma non ha scalfito di un briciolo la sua coerenza e la sua determinazione a favore di un mondo migliore: “Per questo lancio il mio appello al voto – dice -, è l’appello di uno che è più de là che de qua. Io spero tanto che i giovani si mobilitino per cambiare questo Paese, la sua politica. Ai medici del reparto oncologia invece, Giorgi ha rivolto un altro appello: “Tenetemi in vita finché posso votare. E oggi, finalmente, lo farà. Grazie Luciano.