mercoledì, Gennaio 19Rimani aggiornato su attualità, salute, economia, sport e tanto altro
Shadow

Archivio

Come arrivare alle Isole Borromee

Come arrivare alle Isole Borromee

Archivio
Le Isole Borromee formano un piccolissimo arcipelago nelle meravigliose acque del Lago Maggiore, nell'area prospiciente i comuni di Verbania e Stresa. Devono il loro appellativo alla famiglia Borromeo che, nel XIV secolo, ne divenne proprietaria cominciando a conferirgli una parte dell'aspetto attuale con la costruzione di ville, giardini e altre dimore. Ancora oggi la famiglia conserva la proprietà dell'Isola Bella e dell'Isola Madre e di tre scogli emersi noti come Castelli di Cannero, a causa delle rovine di fortificazioni medievali ancora oggi ben visibili. Concorrono a formare l'arcipelago lo Scoglio della Malghera, l'Isolino di San Giovanni e l'Isola dei Pescatori, l'unica stabilmente abitata. L'Isola bella e l'Isola Madre sono da sempre mete particolarmente ambite dal turismo int...

L’azienda alla disoccupata: Sei brutta – nemmeno buona a prostituirti

Archivio
Denise è una ragazza sarda di 21 anni. Come tanti altri giovani della sua età passa le giornate inviando il curriculum e consultando annunci di lavoro nella speranza di trovare un impiego che le consenta di vivere dignitosamente. L’altro ieri incappa nell’annuncio di un call center, il Sardiniacall, che opera anche per conto dell’Amministrazione Pubblica: cerca operatrici da destinare, con contratto a progetto, alla raccolta dati per conto di enti pubblici. Una roba seria, pensa Denise, mentre clicca sul testo dell’annuncio (poco fa rimosso dall’azienda) per conoscere i dettagli. Ma rimane di stucco. Eccolo, il call center che opera in outsourcing anche per conto delle amministrazioni pubbliche: diffida dal chiamare tutti i “curiosi, i fannulloni e i perditempo e tutti coloro che sono i...

Libero shock: Togliete i libri alle donne e torneranno a far figli – Foto

Archivio
Se non fosse che “Libero beneficia di milioni di euro di finanziamento pubblico non avremmo nemmeno preso in considerazione l’ultimo delirio diffuso oggi dal quotidiano di Belpietro: un articolo assurdo (nella foto in basso) sulla crisi della natalità in Italia firmato da Camillo Langone. La ricetta per incentivare le donne a far figli, secondo Libero, sarebbe quella di togliere loro i libri, di non farle studiare o, come scritto testualmente, “di chiudere qualche facoltà per aprire più reparti maternità. Agghiacciante. Massimo Malerba

Imprenditore dà della mignotta a una disoccupata in cerca di lavoro – Foto

Archivio
Sul sito di Flash Art Italia e International appare un annuncio. Cercano stagisti per assistente di redazione: “A causa dei frequenti e normali turn-over -recita l’annuncio- che avvengono nella nostra redazione, in cui i nostri redattori sono chiamati quasi sempre altrove a più alti, importanti e remunerativi incarichi (ben per loro! Auguri vivissimi! Siamo qui per questo), siamo sempre alla ricerca di uno o più stagisti per Assistente di Redazione per Flash Art Italia e International. Teniamo a precisare che, ahinoi, per almeno 8-10 mesi, il rimborso spese per uno stagista che deve imparare tutto, è minimo, quasi inesistente. Chiedete altrove quanto percepisce uno stagista. Preghiamo dunque di rispondere al presente annuncio solo a chi possiede i requisiti richiesti e a chi può mantenersi...

Quando Maroni era vittima del Codice Rocco

Archivio
Sentir parlare il ministro Maroni di nuova legge Reale, di Daspo per i cortei, di garanzie patrimoniali per chi chiede di manifestare, ma soprattutto di misure più dure nei casi di resistenza alla forza pubblica fa proprio un certo effetto. Lui, che nel 1998 fu condannato in primo grado a otto mesi di reclusione per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale ( Condanna poi commutata in pena pecuniaria dalla Cassazione), che nello stesso periodo è finito imputato a Verona con l’accusa di attentato alla Costituzione ed alla integrità dello Stato e di creazione di struttura paramilitare illegale, nell’ambito dell’ inchiesta sulla cosiddetta Guardia Nazionale Padana. Proprio lui, che al ministero dell’Interno ci sta in quanto espressione di un partito che ha come obiettivo “L’indipendenza del...

Nonciclopedia – ecco la replica di Vasco: Libertà di stampa non è libertà di offendere – Nota integrale

Archivio
Stamattina la notizia della chiusura del sito Nonciclopedia a seguito di una denuncia di Vasco Rossi per diffamazione. Migliaia i commenti critici piovuti sulla pagina di Vasco ai quali lo staff della rockstar ha risposto chiudendo la bacheca. Adesso è arrivata la replica sulla pagina del cantante, eccola: LA REPLICA A proposito di Nonciclopedia, prima di tutto fatti e non solo parole: piu’ di un anno fa, nel febbraio 2010, abbiamo sporto querela per diffamazione nei confronti del sito Nonciclopedia che degli insulti contro Vasco Rossi aveva fatto la sua bandiera. Insulti quotidiani e gratuiti, insulti a tempo perso e senza alcun motivo. A un anno e mezzo circa dalla denuncia per diffamazione il magistrato in questi giorni ha riscontrato che gli elementi di reato per diffamazione esist...

In Argentina apre un bordello che si chiama Berlusconi – polemiche – Guarda foto

Archivio
A Rosario, città argentina che diede i natali a Ernesto Che Guevara – oltre un milione di abitanti a nord della capitale Buenos Aires – hanno un bordello chiamato “Palazzo Berlusconi. Ed è grande l’imbarazzo degli italiani che vivono nel paese sudamericano. Antonio Bruzzese, Presidente in Argentina della Cna (Confederazione degli artigiani) e dell’Associazione Insieme Argentina, fa sentire la sua protesta al sindaco di Rosario,Roberto Lifschitz, e al Console Generale, Rosario Miccichè, per l’esistenza del bordello intitolato al premier italiano nella città della provincia di Santa Fe. Bruzzese, secondo quanto riportato dal sito emigrazione-notizie.org, esprime la sua indignazione per l’uso di un nome, che rappresenta in questo momento l’Italia, in un locale di prostituzione di lusso. E’...

Rapporto shock di Openpolis – tutte le volte che l’opposizione ha salvato Berlusconi – Foto

Archivio
Ci sono le enunciazioni di principio, le piazzate barricadere che chiamano alla rivolta, le urla di battaglia a favore di telecamera. Poi ci sono i numeri, freddi e crudi, che rivelano ben altre realtà, che parlano della meccanica reale che muove il filo della dialettica tra opposizione e maggioranza. L’ultimo rapporto di Openpolis si intitola “Opposizione che salva la maggioranza e ci racconta, attraverso l’analisi di tutte le votazioni elettroniche d’aula, tutte quelle volte in cui la maggioranza di Governo è riuscita a far approvare le sue proposte grazie ai voti e alle assenze dei parlamentari di opposizione. In questi casi quindi, se tutti i parlamentari di opposizione fossero stati presenti e avessero votato contro la maggioranza, quest’ultima sarebbe stata battuta nella votazione. ...

Il partito di Vendola si spacca su questo manifesto – Guarda Foto

Archivio
Oggi Roma è tapezzata di manifesti realizzati dalla federazione romana di SeL e dedicati alla memoria di Steve Jobs, il fondatore di Apple scomparso qualche giorno fa. L’iniziativa sta scatenando furiose polemiche dentro il partito di Vendola e in rete tra chi la considera di cattivo gusto e anche un po’ strumentale e chi, invece, la sostiene. Questo il manifesto: Tantissime le critiche piovute dai social network tanto che Vendola è costretto a correre ai ripari con uno status su Facebook: “Il genio di Steve Jobs – scrive Vendola – ha cambiato in modo radicale, con le sue invenzioni, il rapporto tra tecnologia e vita quotidiana. Tuttavia fare del simbolo della sua azienda multinazionale – per noi che ci battiamo per il software libero – un’icona della sinistra, mi pare frutto di un a...