domenica, Dicembre 5Rimani aggiornato su attualità, salute, economia, sport e tanto altro
Shadow

Mi han cambiato la serratura – colpa di Pisapia – lo strano caso della signora Ciccia – Foto

Archivio
La linea è chiara: delegittimare Pisapia in qualsiasi modo, ovunque. Ed è così che, nell’ordine, Pisapia è stato accusato di: 1) aver rubato una macchina da giovane (Moratti); 2) di favorire la diffusione della droga (Santanché); 3) di aver fatto annullare il concerto LiveMi (Red Ronnie); 4) di essere matto (Bossi). E fin qui ordinaria amministrazione della macchina del fango. Ma guardate questo testo che gira su Facebook. Una certa Matilde Ciccia, ex campionessa di pattinaggio sul ghiaccio, accusa Pisapia di essere “falso, disonesto e bugiardo. E perché? Leggete: Insomma, sembrerebbe che a Matilde Ciccia, che nella nota piange miseria, abbiano cambiato la serratura e l’abbiano cacciata di casa (pare un attico di 200 mq nel centro di Milano). E di chi sarebbe la responsabilità? Ovv...

La rivoluzione ironica che ha battuto Berlusconi

Archivio
Stamattina andando a lavorare sugli spazi adibiti alle affissioni elettorali campeggiavano dei grandi poster con il volto sorridente di Pisapia e una grande scritta: Buongiorno Milano! E’ l’ultimo messaggio di una campagna nuova e, a giudicare dai risultati, azzeccatissima. Non voglio fare analisi politiche, nè lanciarmi in previsioni sull’operato della nuova amministrazione comunale. Vorrei, semplicemente, raccogliere alcune annotazioni su quanto successo in questi ultimi giorni. La campagna elettorale è stata caratterizzata dalla partecipazione compatta della gente. Di sinistra, ma non solo. Le piazze si sono riempite: tra le 50 e 70mila persone per sostenere Pisapia prima delle due tornate elettorali; e addirittura 100mila persone ieri sera a festeggiare. Tantissimi giovani. Immagino c...

Cresce il partito della gente normale

Archivio
Forse i “moderati sono una cosa del genere dei fondamentalisti islamici: fanno, dichiarano, dicono, sono al centro del mondo (sui giornali) ma poi, al momento del dunque, sono una minoranza non rilevante. L’Italia non si divide infatti, a quanto risulta, semplicemente fra santanchisti e gente normale: questi ultimi, a quanto pare, sono la maggioranza. E finalmente. La gente normale, in Italia, ha sempre avuto etichette un po’ stralunate: comunisti, radicali, estremisti e chi più che ha più ne metta (io personalmente a sedici anni ero comunista perchè mi sembrava strano che i braccianti, giù da noi, dovessero dormire sui cannicci per terra). Ma era solo un modo di chiamare (un po’ perché les bourgeois si spaventavano, un po’ perché noi ci divertivamo molto a spaventarli) le cose che nel re...

Cosa succede se l’acqua va ai privati? Guardate questa bolletta – Foto e testimonianza

Archivio
Ci è arrivata questa testimonianza. Il caso di un cittadino che, con l’avvento dei privati, ha visto aumentare le tariffe dell’acqua di ben dieci volte. Un esempio significativo di ciò che può avvenire se non andiamo a votare il referendum del 12 giugno. Tra poco saremo chiamati ad esprimere il nostro voto sulla privatizzazione dell’acqua. Se ne dicono tante, che l’acqua comunque rimarrà pubblica, che l’ingresso dei privati migliorerà i servizi. Io mi permetto di rubarvi qualche minuto raccontandovi la storia di cui sono stato protagonista, allegandovi delle bollette per meglio illustrarla (ho nascosto i miei dati personali). Ho una residenza secondaria in Carnia in cui risiedo circa un mese all’anno, più precisamente nel comune di Ovaro. Fino al 2006 il gestore era il comune di Ovaro, pa...

Ferrara dà addosso a Berlusconi e Moratti in diretta tv – Video

Archivio
Che il vento stia cambiando lo si intuisce anche dalle prese di posizione acrobatiche di gente tipo Ferrara. “Il monologo di Berlusconi ha stufato gli italiani. Lo ha detto Giuliano Ferrara nel corso di ‘Porta a porta’, lamentando che il premier avrebbe trascurato la necessita’ di parlare con gli italiani, con il popolo. Quanto a Milano, “Berlusconi ha perso, e’ chiarissimo. C’e’ stata campagna elettorale sbagliata, cominciata con il caso Lassini e proseguita con la diffamazione della Moratti, non seguita da scuse, cosa gravissima per i milanesi